Pranoterapia



Presentazione

Vorrei cominciare con una piccola riflessione scritta da un Lama chiamato Anagarika Govinda che dice :

 

Tutto ciò che é visibile aderisce all’invisibile

L’udibile all’inaudibile

Il tangibile all’intangibile

Il pensabile, forse, all’impensabile.

 

Origini

La pranoterapia deve il suo nome al termine sanscrito « prana » che significa energia vitale ed è, nell’ambito delle medicine alternative una delle discipline più antiche. Consideriamo le mani come una sorta di « antenne » con cui si capta e si irradia quel quid che usiamo soliti definire « energia ». Nella tradizione indiana viene chiamata « prana » la quale è formata da due forze indissolubili: Ha e Tha.

La filosofia cinese fonda i suoi principi sull’esistenza di un energia chiamata Ch’i formata da Yang e Yin. Tutto ciò che esiste é formato da materia ed energia. Concetto fondamentale della moderna pranologia è che tutti gli organismi viventi, e primo tra questi l’uomo, per essere vivi e star bene debbono essere pervasi in maniera ottimale da quella « energia », energia pranica, bioenergia o energia vitale.

Pur non essendo materia è tuttavia presente in ogni forma di materia : non è nell’aria , ma si manifesta  nell’aria, non è acqua, ma la troviamo nell’acqua, è nel calore del sole ma non è nessuna delle sue onde luminose.

L’acqua dimostra perfettamente che tutte le cose producono un oscillazione (cioè vibbrazioni) le bellissime ricerche sui cristalli d’acqua del prof. giapponese Masaru Emoto lo confermano.

 

È più facile una vita sana in chi ha sentimenti sani.

 

La principale azione terapeutica esercitata dal pranoterapista proviene da una emissione di biofotoni cerebrali. La pranoterapia non si serve di farmaci né di particolari strumenti (come aghi o magneti) ma si basa esclusivamente sull’imposizione delle mani da parte del terapeuta.

Il pranoterapeuta è in grado trasmettere l’energia vitale nel punto dolente del paziente cercando di portare giovamento all’ammalato.

Un pranoterapeuta per evoluzione ha sviluppato energia più di alcuni altri. « Che per altro, è latente in tutti » Il pranoterapeuta trasmette il fluido cercando di armonizzare gli scompensi della persona malata.

 

Verifiche/Trattamento

Personalmente, dopo una curata anamnesi con la quale ho verificato eventuali squilibri energetici inizio il trattamento vero e proprio. A volte riesco anche a percepire i punti dove ci sono gli squilibri dove cerco di rimettere in equilibrio il flusso disarmonizzato che porta dolore. Comunque inconsapevolmente la persona si rigenera di nuove forze. 

 

Beneficio

La terapia può coprire una lunga lista di patologie.

Tutte le malatie provengono da una stessa fonte : la disarmonia energetica. L’armonia del corpo è armonia elettro-chimico-magnetica.

Un alterazione del nostro campo elttromagnetico si riflette in un’alterazione del nostro stato di salute.

La pranoterapia non si indirizza solo alla persona nella sua totalità di essere umano. 

L’azione terapeutica è dunque un sostegno, un riequilibrio e una riattivazione delle forze rigeneratrici della persona stessa.

La pranoterapia è efficace in tutti i casi in cui ci sia una irritazione o infiammazione (perché quasi tutte le malattie hanno un irritazione o una infiammazione) da eliminare : un mal di testa, una storta, una gastrite, un colon irritabile, ma può essere di grande aiuto in casi di ernie, cervicalgie, dolori articolari, muscolari e ossei. 

Questa terapia energetica è legata intimamente con l’alimentazione, che è la fonte base di energia per il nostro corpo e ne decide anche la qualità.

 

Basta provare per credere, per i più scettici è bene dire che queste terapie non hanno controindicazioni.

In alcuni casi la pranoterapia non è sufficiente e deve essere utilizzata in unione all’alimentazione ed ad altri tipi di terapie naturali o in unione alla medicina classica. La salute è un bene che deve essere preservato.

È bene comunque precisare che il pranoterapeuta non ha « la bachetta magica », di conseguenza spesso non basta « imporre le mani » per avere un rapido miglioramento, di solito ha bisogno di qualche tempo per avere risultati.

E importante riconoscere, che noi, col nostro modo di vivere, di agire e reagire, siamo la causa prima dei nostri malesseri e dei nostri malanni.

 

Esperienze di terapie

Molto interessante è quando lavoro con un neonato sul quale la reazione è per lo più velocissima.

Lo scorso marzo mi è capitato di fare una terapia su un bebé di 3 mesi affetto di coliche al colon. La madre che assisteva per la prima volta a una terapia del genere è rimasta colpita dalla reazione che ha potuto registrare nell’espressione degli occhi del suo bambino e del praticamente immediato rilassamento del bambino. 

 

Un altro bel esempio mi è successo con una bambina di 7 anni laquale soffriva di un trauma avvenuto con l’acqua. Durante la giornata del nuoto rimaneva sempre attacata e terrorizzata al bordo della piscina. Solo dopo un giorno dalla terapia la maestra è rimasta stupefatta per come la  piccola abbia preso dimestichezza con l’acqua, tanto da immergere persino la testa. La bambina è rimasta talmente contenta che giunta a casa continuava ad esprimere con euforia e gioia la sua bella esperienza.

 

Consigli che do al cliente

Prima di tutto : bere sufficientemente acqua (2 dl per ogni 10 kg del proprio peso) È molto importante controllare la qualità dell’acqua !

Secondo : Esercizi di respirazione corretta che spiego personalmente

Terzo : Affermazione a riguardo la causa del disequilibrio

Inoltre consiglio l’uso di prodotti naturali ed eventuale disintossicazione

 

« La pranoterapia non è un’alternativa alla medicina tradizionale  e , quindi, non comporta assolutamente la sospensione di cure farmacologiche o trattamenti medici. La pranoterapia darebbe maggior effetto potendo collaborare con il medico curante.

 

Ricordiamoci che il vero nostro nemico siamo noi, con il nostro modo di pensare, di agire e di reagire. Questo anche per legge di causa - effetto. 

Finisco dunque con un piccolo pensiero :

La guarigione inizia nell’Amore e già nel sorriso e nello sguardo nel quale uno si specchia.

 

Auguro a tutti voi di trovare la giusta via per un grande camino.

Di cuore.

Marco